Home / Economia / Broker trading online per CFD, caratteristiche e vantaggi con i migliori intermediari

Broker trading online per CFD, caratteristiche e vantaggi con i migliori intermediari

Per chi vuole investire in strumenti finanziari derivati come i CFD – Contratti per Differenza, la scelta del broker online è fondamentale per il trader che punta non solo ad ottenere un flusso costante di profitti, a fronte del grado di rischio elevato che comunque si deve sostenere, ma anche a sfruttare una piattaforma di trading sicura, efficiente e veloce. Per investire in CFD il timing è fondamentale, ragion per cui aprire un conto di trading con i migliori intermediari rappresenta un imperativo categorico. Ed allora, quali sono i punti di forza dei migliori broker trading per CFD?

Ebbene, i migliori intermediari rispetto agli altri si distinguono per la piattaforma, per i costi, per l’ammontare del deposito minimo, per l’affidabilità e per la possibilità di poter utilizzare la piattaforma facendo pratica senza correre inizialmente rischi finanziari. Nel dettaglio, i migliori broker trading online per CFD offrono l’accesso ad una piattaforma di trading non solo semplice ed intuitiva, ma anche accessibile con il PC Desktop e con il computer portatile, e pure con lo smartphone e il tablet grazie ad una o più app mobili scaricabili ed installabili gratuitamente.

I migliori intermediari per il trading online in Contratti per Differenza, come è per esempio Plus500, offrono il trading senza commissioni, permettono di aprire il conto di trading con un deposito di appena 100 euro, mettono a disposizione il conto demo gratuitamente, e sono affidabili in quanto in possesso di regolare licenza per operare in Europa nell’offerta di servizi finanziari e di investimento. Ad ulteriore conferma dell’affidabilità dei broker trading online per CFD, basti ad esempio pensare che Plus500 è quotata dalla AIM BORSA DI LONDRA .

Le piattaforme dei migliori broker online per CFD permettono di inserire gli ordini in pochi click potendo gestire a priori il rischio fissando i livelli di stop loss, per tagliare le perdite, ed i livelli di take profit che permettono di consolidare i profitti. Per il resto i guadagni e le perdite, a fronte di un investimento che può essere anche di importo minimo, sono amplificate dal leverage, ovverosia dal cosiddetto effetto leva.

Più alto sarà l’effetto leva, maggiore sarà l’oscillazione di profitti e perdite, a parità di importo investito, ragion per cui occorre sempre fare attenzione a mantenersi per le posizioni in leverage entro i margini che sono concessi dal broker. Trattandosi di strumenti finanziari derivati, le attività sottostanti i CFD possono essere rappresentate da Etf, opzioni, coppie di valute sul mercato Forex, materie prime, indici azionari dei principali mercati internazionali, e titoli azionari di Borse come quelle di Stati Uniti, Italia, Inghilterra, Francia, Spagna, Germania e fino ad arrivare a mercati asiatici come quelli di Hong Kong in accordo con quanto messo in evidenza su un articolo guida sui CFD di MeteoFinanza.com .

Tutti gli strumenti derivati, compresi i CFD, hanno una data di scadenza in corrispondenza della quale la posizione si chiude in automatico. Per evitare la chiusura in automatico, pur tuttavia, i migliori broker online per il trading in CFD permettono di gestire le posizioni sfruttando la funzione cosiddetta di Rollover che permette di allungare la data di scadenza dell’operazione. Il Rollover, la cui applicazione prevede comunque un costo, rientra tra le opzioni evolute di gestione del rischio ad esempio con l’obiettivo incrementare i profitti proprio attraverso l’allungamento della data di scadenza. I profitti ottenuti, allo stesso modo di come i fondi sono stati versati, si possono poi prelevare dal conto di trading con richiesta di bonifico, con carta di credito oppure utilizzando portafogli/borsellini virtuali come Paypal e Skrill.

Check Also

investire in borsa

Investire in Borsa: come, quando e perché conviene puntare sulle azioni

Come, quando e perché conviene puntare sulle azioni? Ovverosia, come, quando e perché investire in …