Home / Economia / Investire in Borsa: come, quando e perché conviene puntare sulle azioni
investire in borsa

Investire in Borsa: come, quando e perché conviene puntare sulle azioni

Come, quando e perché conviene puntare sulle azioni? Ovverosia, come, quando e perché investire in Borsa? Ebbene, al riguardo leggi qui le opinioni  sul mercato azionario che è nel complesso affascinante, ma che nello stesso tempo richiede un minimo di conoscenza e di esperienza al fine di poter fare trading online con profitto. In effetti quello della Borsa è il settore finanziario più allettante per far aumentare nel tempo il proprio patrimonio, ma nello stesso tempo tale obiettivo è raggiungibile solo se si è capaci di saper gestire il fattore rischio.

Grazie alle piattaforme di trading online al giorno d’oggi il mercato azionario spicca per essere versatile e ricco di scelte visto che si può avere l’accesso alle piazze di tutto il mondo, da Milano a New York e passando per Francoforte, Parigi, Madrid e fino ad arrivare a Tokyo. Per l’accesso a questi ed altri mercati azionari bastano pochi click del mouse potendo in sostanza aprire e chiudere le posizioni in acquisto ed in vendita in ogni momento, praticamente ad ogni ora del giorno e della notte.

Si tratta di un grosso vantaggio per chi investe sull’azionario e giustamente vuole diversificare investendo i propri soldi in settori diversi e su aree geografiche diverse, ma è bene anche ricordare che tra i mercati azionari c’è una forte correlazione, il che significa che se Wall Street è in rally allora anche le altre piazze azionarie in genere si accoderanno al rialzo. Così come se una Borsa importante crolla, allo stesso modo le altre saranno bersagliate dalle vendite.

Come sopra accennato, sul mercato azionario quella della diversificazione degli investimenti, puntando su un giardinetto di azioni, rappresenta una scelta intelligente ai fini della riduzione dei rischi. Inoltre, maggiore è il numero di titoli scelti per diversificare il capitale da investire, minore sarà il rischio di immobilizzare per molto tempo le posizioni aperte. Al riguardo, per non incorrere in perdite superiori a quelle che si possono sopportare, la soluzione migliore per l’investimento nell’azionario è quella di fissare a priori, al momento dell’apertura delle posizione, i livelli di stop loss e di take profit.

Nel dettaglio, il livello di stop loss è quel valore di prezzo in corrispondenza del quale la posizione si chiude in automatico con una perdita oltre la quale l’investitore non è disposto a mantenerla aperta. Il livello di take profit è invece quello in corrispondenza del quale l’operazione in azioni viene chiusa con il profitto atteso e fissato a priori.

Per quel che riguarda invece la scelta delle azioni, di norma è bene puntare sulle grandi società quotate i cui titoli di Borsa sono liquidi e quindi negoziabili, tutti i giorni in cui i mercati sono aperti, al miglior prezzo. Inoltre, le società con cui si rischia di meno sono in genere quelle che presentano anno dopo anno bilanci con utili e ricavi in crescita, ed anche dividendi riconosciuti agli azionisti che sono in progressivo aumento.

Check Also

Carte prepagate ricaricabili, pro e contro per un metodo di pagamento in ascesa

Tra gli strumenti di pagamento e di moneta elettronica più diffusi in Italia ci sono …